Madrid e Barcellona

Una settimana tra Madrid, Huesca e Barcellona

Ho organizzato così le tappe: 2 giorni e mezzo a Madrid (volo da Milano mxp con easyjet), 4 giorni a Huesca (sono andata a trovare la mia amica che vive là, per info su Huesca vedi viaggio a Zaragoza), 1 giorno a Barcellona (Volo di ritorno per Bergamo Orio al Serio).

Dia 1: Madrid, Puerta del sol

Al mio arrivo a Madrid, mi reco presso il mio hotel situato in pieno centro alla Puerta del Sol, facilmente raggiungibile con la metropolitana. Sbrigate le pratiche in hotel, esco subito in esplorazione. Essendo già sera, faccio una bella passeggiata a piedi tra la piazza di Sol e tutte le vie ricche di negozi, bar e ristoranti. Raggiungo il teatro Real e mi fermo in piazza per gustare un pò di street food. In calle del Arenal trovo un bel posticino dove mangiare le tapas, il tapa tapa bar; trascorro una serata piacevole e ritorno all’hotel.

Palazzo-reale-Madrid-Spagna
Palazzo-reale-Madrid-Spagna

Dia 2: Palazzo Reale, Mercado San Miguel e centro storico

Dedico la giornata alla visita del palazzo reale che raggiungo tranquillamente a piedi in 10 minuti; la visita è libera ma se prendete l’audioguida avrete meno difficoltà. La visita dura circa un paio d’ore (cucine incluse). All’esterno si può ammirare la plaza de Oriente con il monumento a Felipe IV. Conclusa la visita al palazzo reale, entro alla cattedrale dell’Almudena _che è subito fuori dal palazzo_ e faccio un salto anche alla cripta. La visita è gratuita, potete lasciare un’offerta simbolica di 1 euro. Ritorno verso il centro percorrendo Calle Mayor e raggiungo il Mercado San Miguel, famoso per le sue tapas. Non posso rinunciare ad assaggiare le tapas, per cui dopo un tour fotografico, mi siedo a mangiare accompagnando le tapas a della buonissima sangria.

Mercado-san-Miguel-Madrid
Mercado-san-Miguel-Madrid

Finita la degustazione raggiungo la famosissima cioccolateria Gines, dove servono churros e cioccolata calda dall’alba dei tempi. Il problema è che è presa d’assalto ed è praticamente impossibile riuscire ad entrare. Mi arrendo. Proseguo il mio tour raggiungendo la plaza Mayor, ricca di bar e ristoranti. Mi siedo un pò al sole pensando a quale può essere la meta successiva; verso le 18 torno in hotel, doccia veloce e vado a cenare in un tapas bar che si trova proprio sotto al mio hotel, la Taberna Alhambra, un tipico locale andaluso. Ordino una cerveza e due tapas (giganti), dopo un’ultima passeggiata per digerire, ritorno in hotel.

Dia 3: Museo Reina Sofia e Parque Buen Retiro

Devo lasciare l’hotel, per cui lascio la valigia al front desk e vado a fare colazione in un posto chiamato la Rollerie. Raggiungo (sempre a piedi) il museo Reina Sofia perché voglio vedere i quadri di Picasso, tra cui il famosissimo Guernica. Mi fermo in uno starbucks per una pausa e raggiungo il Parque del buen retiro, una vera oasi di pace.

Parque-del-Buen-Retiro-Madrid
Parque-del-Buen-Retiro-Madrid

Dopo aver trascorso un paio di ore piacevolissime al parco, ritorno all’hotel a recuperare la valigia e raggiungo in metropolitana, la Stazione Renfe Puerta de Atocha, dove prendo l’AVE (treno alta velocità) che mi porterà a Huesca in un paio d’ore. Huesca è una piccola città ai piedi dei Pirenei, non ha molto da offrire, ma i suoi tapas bar sono molto accattivanti. Sono stata anche fortunata, ho assistito alle prove della Semana Santa. Inoltre ho visitato l’antico casinò e la cattedrale.

Huesca e Barcellona

Trascorso qualche giorno in compagnia della mia amica, prendo il bus per Barcellona dalla stazione di Huesca. Il biglietto costa 12 euro e in circa 3 ore e mezza, arrivo alla stazione dei treni di Barcellona Sants. Prendo la metro e raggiungo il mio hotel situato vicino alla Rambla. Purtroppo arrivo in città molto tardi, per cui corro subito a visitare il Mercado della Boqueria prima che chiuda.

Mercado-de-la-boqueria-Barcellona
Mercado-de-la-boqueria-Barcellona

Passeggio per la Rambla e mi siedo in un ristorante in Plaça Reial per cenare. I ristoranti in Plaça Reial non sono propriamente economici, ma avevo voglia di cenare all’aperto in mezzo a tanta gente e in una location così suggestiva. E’ stato il posto in cui ho speso di più (28 €) ma ho comunque mangiato bene e in abbondanza.

Plaça-reial-Barcellona
Plaça-reial-Barcellona

Torno verso il mio hotel passeggiando per la Rambla e per il Barrio Gotico, il quartiere storico di Barcellona. Il giorno dopo mi reco all’aeroporto e prendo l’aereo per Bergamo.

Costi generali

Voli: Milano – Madrid 15 euro Easijet; Barcellona – Milano 24 euro, Ryanair.

AVE: Madrid – Huesca 35 euro

Bus: Huesca – Barcellona 12 euro

Hotel: 250 euro circa (2 notti a Madrid, 1 notte a Barcellona). Gli hotel erano tutti in zona centrale, in modo da fare tutto a piedi, senza usare i mezzi di trasporto.

Pranzi e cene: non più di 15 euro a pasto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...