Las Vegas e Nevada

What happens in Vegas, stays in Vegas

Las Vegas per me è stata un impatto visivo travolgente. Erano anni che sognavo di vedere la città del peccato e, quando finalmente vidi le sue luci nel mezzo del deserto, per me fu una grandissima emozione. Ci sono stata due volte con un viaggio di gruppo insieme ad altri ragazzi. Per raggiungere Las Vegas da San Diego in autobus ci sono volute quasi 8 ore; durante il tragitto ci fermammo a Barstow lungo l’Interstate 15; Barstow è una piccola città che rappresenta una mega stazione di servizio nel deserto; qui troverete di tutto: motel, benzinai, ristoranti…una vera a propria oasi in mezzo al nulla. Arrivata a Las Vegas, alloggiai al Circus Circus hotel e casinò (nel 2011) e all’Excalibur hotel e casinò (nel 2013).

La strip

Il Las Vegas Boulevard è il viale principale della città ed è conosciuto da tutti come la “STRIP“. Il viale è costeggiato da grandi hotel tutti a tema: il Paris ha una grande tour Eiffel e saloni in stile reggia di Versailles, Il Luxor è un immensa piramide, il Treasure island ha un enorme veliero all’esterno, il Venetian è una riproduzione della città di Venezia. All’interno del Circus Circus c’è un enorme luna park al coperto. A Las Vegas il divertimento è per tutti. All’Excalibur hotel gli ospiti possono accedere alla piscina gratuitamente. Il Bellagio riproduce giochi d’acqua nella sua bellissima fontana: lo spettacolo parte ogni 30 minuti.

The-Venetian-by-night-Las-Vegas
The-Venetian-by-night-Las-Vegas

Lungo la Strip passa la monorotaia che vi consente di spostarvi per la città; io mi sono mossa in taxi e con l’autobus del gruppo. Da visitare il madame Tussauds, il museo delle cere vicino al The Venetian. Meritano una visita anche l’Hard Rock café e ovviamente tutti i casinò lungo la Strip perché sono uno più bello dell’altro. Feste, musica e divertimento la fanno da padrone a Las Vegas. Una puntatina al casinò la dovete fare. Io mi ricordo che rimasi per tre giorni con la carta di credito bloccata e non potei fare troppe puntate perché avevo pochi soldi in contanti e dovevo farmeli bastare. Sfiga vuole che ero in città durante il week end e non potevo contattare la mia banca perché, ovviamente, era chiusa. Altra cosa interessante è l’ice bar e, se volete, dalla città partono le escursioni per il Gran Canyon National Park.

Downtown e Freemont street

Non dimenticate di visitare il DOWNTOWN Las Vegas e la Freemont street, una zona pedonale ricca di bar, negozi e dove potrete sorvolare il viale con dei cavi che vi sostengono (slotzilla zip line). Inoltre ogni sera c’è lo spettacolo di luci e suoni sul soffitto della galleria in Downtown. Fuori dalla città vi sono degli outlet delle grandi marche con prezzi da capogiro. Comprai un sacco di cose firmate da regalare.

io-caesars-palace-hotel-las-vegas.j
io-caesars-palace-hotel-las-vegas.j

Deserto del Mojave

Il deserto del Mojave si trova tra la California e il Nevada; ricopre un’area di 38.000 km quadrati. L’area è immensa e d’estate fa molto caldo. Portate sempre dell’acqua con voi, mettetevi la crema solare (tanta), portatevi un cappello, una mappa e, se siete per conto vostro, AVVISATE QUALCUNO SULLA VOSTRA DESTINAZIONE perché, a volte, il cellulare non funziona. Nel deserto di Mojave si può ammirare il Death Valley National Park (valle della morte), il punto più basso e caldo del nord America: a luglio e agosto la temperatura può arrivare fino a 50° (si muore dal caldo, ve lo garantisco). Nonostante tutto, io mi sono innamorate del paesaggio lunare del deserto. Davanti a te c’è solo la strada; tutto intorno, il nulla.

Hoover Dam, la diga

La diga di Hoover è alta ben 210 metri e gestisce il flusso delle acque del fiume Colorado formando il più grande bacino artificiale degli Stati Uniti: il lago Mead. Il lago si estende per circa 180 km e si trova a circa 50 km dalla città di Las Vegas. La diga è severamente controllata ed è visitabile (c’è il metal detector come negli aeroporti). E’ un’opera ingegneristica di alto livello. Da vedere. La sua maestosità è impressionante. Pare che all’interno del lago si trovi anche un B-29 precipitato nel 1948.

Il Nevada è tranquillamente visitabile in autonomia ma, se preferite appoggiarvi a un tour come ho fatto io, vi lascio il sito dell’agenzia. Organizza diversi tour, principalmente per studenti ma a mio parere va bene per tutti; è abbastanza economica ed è ben organizzata: 

AMERICAN HOST TOURS: https://americanhosttours.com/

Las-Vegas-strip-Nevada
Las-Vegas-strip-Nevada

WHAT HAPPENS IN VEGAS, STAYS IN VEGAS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...